Perdersi in un viaggio in India: #Mandala

Featured Perdersi in un viaggio in India: #Mandala

Oriente.

L’odore delle spezie impregna l’aria; un profumo intenso di curcuma, coriandolo, curry, pepe e cardamomo. Strade affollate, piene di gente, animali e merci.
Paesaggi che si riempiono di migliaia di sfumature e tonalità, come nel giorno dell’Holi, la festa indiana dei colori che celebra la vittoria del bene sul male, in cui le persone si lanciano addosso polveri colorate. Ogni colore ha un suo significato particolare: il verde rappresenta la vitalità, il blu la calma e l’armonia, l’arancione rappresenta l’ottimismo e il rosso la gioia e l’amore.
Si tratta di una festività che coinvolge persone di ogni età, sesso ed estrazione sociale e che abbatte per un giorno ogni barriera di divisione fra le caste.

01 mandala

L’India, un paese che si caratterizza non solo per la vastità geografica, ma anche per l’enorme ricchezza, frutto della diversità di culture e tradizioni.

Un’eterogeneità che si riflette nel linguaggio, con 23 lingue diverse e 2.000 dialetti parlati, e nelle religioni praticate, dall’induismo all’Islam, dal Buddismo al Sikhismo al Cristianesimo.

Una terra dal cuore antico, ricca di storia, di arte, di letteratura e  di spiritualità.

Numerosi sono i simboli dell’India e più in generale del mondo orientale; tra questi ci sono anche i mandala. Si tratta di rappresentazioni spirituali e rituali, utilizzate soprattutto nell’Induismo e nel Buddismo per focalizzare l’attenzione, definire uno spazio sacro e favorire la meditazione.

02 mandala

Dal sanscrito, il termine mandala significa “cerchio” o “centro” ed è una rappresentazione essenziale e geometrica del mondo, un “cosmogramma”.

Oggi questo simbolo è molto conosciuto e diffuso anche in Occidente, dov’è entrato nell’uso comune per indicare motivi geometrici, diagrammi e disegni circolari che rappresentano simbolicamente un microcosmo dell’universo. Usati in vari ambiti, dalle pratiche spirituali alla psicologia, aiutano a ritrovare calma, equilibrio e pace e, in ultimo, ad aumentare la consapevolezza di sé.

Per la collezione di zerbini di agosto, Velcoc si è ispirata a questo elemento della cultura orientale, per far viaggiare la fantasia delle persone e portarla in un mondo etnico, pieno di forme, di colori e di significati.

03 mandala

Una collezione di 10 tappeti per l’esterno, realizzati in fibra di cocco proveniente dall’India; ognuno di essi propone una figura diversa, un disegno che riprende il tema e la struttura geometrica dei mandala e che porta con sé una storia e un significato.

Dall’elefante, che nella religione induista simboleggia il dio Ganesha, signore del buon auspicio che dona prosperità e fortuna e distruttore degli ostacoli di ordine materiale e spirituale, al fiore della ninfea, che in Oriente rappresenta la purezza del corpo e dello spirito, la bellezza, l’eleganza e la perfezione.

Non un semplice zerbino, ma l’elemento etnico che stavi cercando per la tua casa!